- Filmografia
- Sceneggiature
- Televisione

- Special guest director
- Approfondimenti

 
Curiosità
Info e cast su imdb.com
 

Sin City è un film del 2005 diretto da Robert Rodríguez e Frank Miller (autore, tra l'altro, del fumetto cult da cui è tratto) con la partecipazione speciale di Quentin Tarantino.

Le storie narrate nel film sono tratte prevalentemente dai seguenti volumi dell'omonima serie a fumetti di Frank Miller, ovvero: "The Hard Goodbye" ("Un Duro Addio"), "The Big Fat Kill" ("Un'Abbuffata di Morte") e "That Yellow Bastard" ("Quel Bastardo Giallo"). La scena iniziale, invece è tratta dalla storia breve "The Customer is Always Right" ("Il Cliente Ha Sempre Ragione") contenuta nel volume "Booze, Broads & Bullets" ("Alcol, Pupe & Pallottole") mentre quella finale che vede il killer in compagnia di Beckie è stata scritta apposta per il film. La breve scena ambienta nel bar Kadie's durante la quale Dwight pensa che Marv è nato in un'epoca sbagliata, infine, è tratta dal volume "A Dame to Kill For" ("Una Donna Per Cui Uccidere").

La scena girata da Tarantino è il surreale dialogo tra Dwight e il cadavere di Jackie Boy. Il contributo del regista, esageratamente pubblicizzato in trailers e manifesti, consiste dunque in una scena di soli 3 minuti.

L'idea che la voce di Jackie Boy diventasse più stridula quando, girando la testa, faceva aprire la profonda ferita alla gola inferta dalla spada di Miho, venne a Quentin Tarantino.

Le katane di Miho erano state utilizzate da alcuni crazy 88 in Kill Bill vol. 1. Tarantino ne corserva ancora alcune in garage.

Robert Rodriguez compose le musiche originali di Kill Bill vol. 2 per 1$. Tarantino ripagò l'amico girando una scena di Sin City per la stessa cifra simbolica.

Prima dell'inizio delle riprese, Jessica Alba si recò in alcuni strip club per prepararsi al ruolo, ma l'esperienza non le fu di molto aiuto perchè a suo dire, l'unico interesse delle spogliarelliste professioniste consiste nel cercare di accaparrarsi più mance possibili.

Michael Madsen ottenne il ruolo di Bob quasi per caso.
Durante un party organizzato per promuovere l'uscita di Kill Bill, l'attore avvicinò il regista Robert Rodriguez e gli chiese a brucia pelo come mai non lo avesse ancora chiamato per far parte del cast di Sin City. Rodriguez, allora, lo scritturò per l'unico ruolo che era rimasto.

Le tavole originali del fumetto furono utilizzate come storyboard.

L'immagine della donna stilizzata impressa sui fiammiferi dello stripclub dove si esibisce Nancy (vista in seguito anche su un poster all'interno dello stesso locale) è presa dalla copertina del volume di Sin City intitolato "Booze, Broads, and Bullets".

Fatta eccezione di "The Customer is Always Right," durante il film viene sempre pronunciato il titolo di ogni episodio dalla voce narrante ("Well, l'm gonna find that son of a bitch that killed you, and l'm gonna give him the hard good-bye"; "First, we gotta rescue Gail, then comes the kill. The big, fat kill"; "The car stalled out on that yellow bastard and you didn't tell him how to start it up again").

A Benicio Del Toro furono applicati naso e mento finti per renderlo ancora più somigliante all'originale Jackie Boy del fumetto. Tarantino, in seguito, disse che il make up era stato fatto così bene da far dimenticare agli spettatori che quello non è affatto il vero aspetto di Benicio.

Durante le riprese, Jessica Alba si esibì sulle note di una musica diversa. Il regista Robert Rodriguez aggiunse il brano "Absurd" dei Fluke solo in seguito.

Robert Rodriguez avrebbe voluto Johnny Depp per il ruolo di Jackie Boy ma l'attore non potè accettare la parte perchè già impegnato. Quando Rodriguez incontrò Benicio Del Toro alla notte degli Oscar e lo vide con i capelli lunghi (con un look definito dallo stesso regista "un po' alla lupo mannaro") gli disse che stava ancora cercando Jackie Boy e li chiese di non tagliarsi i capelli. Più tardi fece recapitare all'attore un volume del fumetto e una copia della storia breve "The Customer is Always Right". Del Toro firmò il contratto poco dopo.

A Michael Douglas fu offerto il ruolo di Hartigan, a Steve Buscemi quello di Junior una volta trasformato nel Basterdo Giallo, a Willem Dafoe e Christopher Walken fu offerto quello del Senatore Roark.

Una delle prostitute della città vecchia è vestita da Wonder Woman.

Leonardo DiCaprio fu preso in considerazione per il ruolo di Junior Roark.

Frank Miller compare in un breve cameo nei panni del prete.

Fu un'idea di Benicio Del Toro quella di far staccare la pistola dalla mano mozzata del suo personaggio usando i denti .

La scena del suicidio di Hartigan è molto diversa rispetto a quella disegnata da Miller (nel fumetto si vede un primo piano dell'uomo che si punta la pistola alla tempia seguito dallo sparo) ma si ispira a una scena vista nel volume "A Dame to
Kill For".

Sul retro dei fiammiferi trovati in casa di Nancy si legge una frase con un forte doppio senso volgare: "Liquor in the front poker in the rear" (la frase suona come"Lick her in front pock her in the rear").

Nonostante il suo personaggio comparisse diverse volte senza veli nel fumetto (durante la sua esibizione al locale la ragazza è quasi totalmente nuda e quando viene rapita dal bastardo giallo viene mostrata con un seno scoperto), l'attrice Jessica Alba si rifiutò categoricamente di girare scene di nudo.

La birra che Nancy offre a Marv e quella servita nel bar Kadie's (si vede sul vassoio portato da Shellie quando Hartigan le chiede di Nancy) è la "Chango", la finta marca di birra comparsa in altri film di Rodriguez compresi "Desperado" e "From Dusk Till Dawn".

Nancy si firma "Cordelia" come il nome della sua detective preferita. Questo è sicuramente un riferimento a Cordelia Gray, la protagonista dei romanzi di P. D. James: "Un lavoro inadatto a una donna" ("An Unsuitable Job for a Woman") e "Un indizio per Cordelia Gray" ("The Skull Beneath the Skin").

Nel fumetto, Marv è un gigante alto più di due metri mentre il Cardinale Roark è un nano. Nel film, Marv è 5 cm più basso di Roark.

Hartigan resiste alle avances di Nancy esclamando che potrebbe essere suo nonno. Hartigan ha infatti 68 anni mentre Nancy solo 19. Bruce Willis e Jessica Alba hanno in realtà soli 26 anni di differenza.

Nel fumetto Becky muore durante la sparatoria finale mentre nel film viene uccisa dal killer interpretato da Josh Hartnett (la fine di Becky è sottintesa anche se non viene mostrata).

Nicky Katt, l'attore che interpreta Stuka (lo scagnozzo di Manute che viene ucciso dalle frecce di Miho) farà parte del cast di entrambi gli episodi di Grind House (interpreterà Joe in Planet Terror e il commesso del Circle A in Death Proof).

Schutz, un' altro tirapiedi di Manute è interpretato, invece da Clark Middleton, già Ernie in Kill Bill volume 2 (l'attore avrà una particina anche in CSI Grave Danger).

Brittany Murphy, l'interprete di Shellie, è deceduta nel 2009 a soli 32 anni in circostanze non del tutto chiare. Secondo fonti ufficiali la principale causa della morte dell'attrice sarebbe stata una muffa particolarmente tossica presente nella sua abitazione.

Nick Stahl, l'attore che interpreta il Bastardo Giallo, fu dipinto di blu per evitare che il giallo reagendo con lo schermo verde si fondesse con lo sfondo. Questo escamotage gli valse il soprannome di "bastardo blu" durante le riprese.

Il film è stato girato quasi interamente davanti allo schermo verde. Gli unici set reali erano il "Kadie's bar", l'appartamento di Shellie e l'ospedale visto alla fine.

Robert Rodriguez non considera il film un adattamento del fumetto ma una sorta di traduzione. La fedeltà al fumetto in molte scene, infatti, è a dir poco impressionante.


Molte scene sono state girate senza la reale partecipazione di tutti gli attori presenti. Spesso veniva ripreso un singolo attore e gli altri (che in molti casi non erano ancora neanche stati scritturati) venivano aggiunti in post produzione. Quando, ad esempio, Marv porta Wendy a casa di Nancy, Jessica Alba non aveva ancora accettato la parte. Anche tutte le scene con il cardinale Roark e Kevin furono aggiunte in seguito. Rutger Hauer e Elijah Wood furono scritturati quando Rourke aveva già finito di girare tutte le sue scene.

La breve ma intensa interpretazione di Marley Shelton colpì a tal punto Robert Rodriguez, da indurlo a scrivere su misura per lei il ruolo di Dakota, uno dei personaggi principali di "Planet Terror".

Robert Rodriguez rimase incantato dai bellissimi occhi blu di Alexis Bledel e decise di mantenerli tali anche nel film.

Marv pronuncia la frase: "E' come ai vecchi tempi, quelli della violenza. I tempi del tutto o niente sono tornati" ("This is the oId days and the bad days.The all-or-nothing days. They're back. There's no choices Ieft"). Anche Stuntman Mike in Death Proof farà riferimento ai giorni del "tutto o niente" (modo di dire che sta a significare o il completo successo o il fallimento totale senza vie di mezzo).

La scena che vede Dwight affondare la testa di Jackie Boy nel water è stata girata in modo molto simile a una scena quasi identica vista in Kill Bill vol.2 durante la lotta tra Beatrix e Elle nella roulotte di Budd (anche Jackie Boy cerca di attivare lo sciacquone ma con meno fortuna).

Lucille compare anche in una scena eliminata (inserita poi, nell'edizione "director's cut") dell'episodio "That Yellow Bastard".

La versione "director's cut" del film comprende molte scene inedite per una durata di circa 20 minuti. Gli episodi sono tutti narrati dall'inizio alla fine in ordine cronologico. Il film si apre con l'episodio "That Yellow Bastard", prosegue con "The Customer is Always Right" (seguito dai titoli d'inizio e dalla scena in ospedale con Becky), "The Hard Goodbye" e infine si conclude con "The Big Fat Kill".

Adrien Brody fece un provino per il ruolo di Jackie Boy.

Nella scena finale nella fattoria Roark, Hartigan usa una Beretta 93R Auto 9. Quest'arma è famosa per essere quella utilizzata nei vari film di Robocop. Frank Miller firmò le sceneggiature di "Robocop 2" e "Robocop 3".

Anthony Michael Hall fu preso in considerazione per il ruolo di Dwight.

Sulla maglietta di uno degli scagnozzi di Jackie Boy e su un orecchino di Becky si nota un particolare simbolo della pace con al suo interno una bandiera e una stella.
Questo era il simbolo della PAX, la forza paramilitare, cui faceva parte Martha Washington, la protagonista di un'altra serie a fumetti scritta da Miller.

Uma Thurman, Sarah Jessica Parker, Ashley Judd, Carrie-Anne Moss e Naomi Watts furono prese in considerazione per il ruolo di Lucille.

Robert Rodriguez chiese ad Hans Zimmer di comporre le musiche per il film, ma Zimmer fu costretto a rifiutare perchè in quel periodo si trovava in Inghilterra per lavorare sulle musiche di Batman Begins. Zimmer consigliò al regista di rivolgersi a due suoi amici: John Debney e Graeme Revell.

"The Customer is Always Right" è una storia breve di appena tre pagine facente parte del volume "The Babe Wore Red and Other Stories". Tale volume, fu in seguito, incorporato alla raccolta intitolata "Booze, Babes, and Bullets".

Nell'edizione "director's cut" del dvd, Frank Miller commenta il breve episodio "The Customer is Always Right" approfondendo alcuni punti della storia.
In base a quanto rivelato da Miller, la "cliente" ("The Customer"), interpretata da Marley Shelton, aveva interrotto la relazione intrapresa con un membro della mafia, causando l'ira dell'uomo che per vendicarsi le aveva giurato che presto l'avrebbe uccisa in un modo orribile. La "cliente", allora, decise di assoldare lei stessa un sicario ("il venditore" o "The Salesman" interpretato da Josh Hartnett) che rendesse la sua dipartita veloce e meno traumatica possibile.