- Filmografia
- Sceneggiature
- Televisione

- Special guest director
- Approfondimenti

 
Quentin Tarantino's fake brands
Questa pagina raccoglie i tanti "fake brands" (marche non realmente esistenti) che molto spesso compaiono nei film di Quentin Tarantino.
 
 
- RED APPLE -

Finta marca di sigarette.
Il logo è stato creato da Jerry Martinez e Chris Cullen.

- PULP FICTION -

Le sigarette Red Apple fanno il loro esordio in Pulp Fiction sul tavolo di Zucchino e Coniglietta nella scena iniziale del film.


Più tardi, Butch le comprerà nel locale di Marsellus Wallace al costo di $ 1.40.


E' possibile scorgere un pacchetto di Red Apple su un tavolo di casa Wallace (sotto le telecamere di sorveglianza).


Al Jack Rabbit Slim's Mia ne tirerà fuori un pacchetto, ma alla fine preferirà fumarne una arrotolata da Vincent.


Il pacchetto acquistato da Butch si rivedrà, in seguito, vicino al televisore del motel.

- FOUR ROOMS -

Anche Ted il fattorino fuma le sigarette Red Apple. In una scena (subito dopo la sua conquista nella Honeymoon suite) si vede un pacchetto sul tavolo della reception.


Nell'ultimo episodio si può notare un pacchetto di queste sigarette sul tavolo della suite di Chester Rush, vicino al bicchiere Big Kahuna Burger.

- FROM DUSK TILL DAWN -

E' possibile notare diversi pacchetti di sigarette Red Apple sul bancone del negozio di liquori visto all'inizio del film.


Un pacchetto di sigarette Red Apple si vede riflesso sul parabrezza dell' automobile dei fratelli Gecko durante la sosta nel parcheggio del motel.

- KILL BILL VOl. 1 -

Poco dopo essere atterrata a Tokyo, la Sposa passa davanti a un manifesto delle sigarette Red Apple. La donna raffigurata nel manifesto non è altri che Julie Dreyfus, che nel film interpreta Sofie Fatale.


Durante l'atterraggio dell'aereo sulla città di Tokyo si può notare un altro manifesto delle Red Apple.

- DEATH PROOF -

In una scena descritta nella sceneggiatura originale, Jungle Julia acquista un pacchetto di Red Apple dal distributore di sigarette del Texas Chili Parlor poco prima di dirigersi sul portico per fumare l'erba di Lanna Frank.


Abernathy, distesa sul sedile posteriore dell'auto, chiede a Kim di comprarle un pacchetto di Red Apple Tans (la variante delle Red Apple creata apposta per Death Proof). Qualche minuto più tardi, la ragazza ne fumerà una (presa dalla sua borsa) appoggiata al cofano dell'auto di Kim.


All'interno del Circle A è visibile dietro al bancone un espositore di sigarette con esposti alcuni pacchetti di Red Apple (versione classica e versione tans) e nel parcheggio del negozio dovrebbe esserci anche un cartello che le pubblicizza (non si vede nel film ma solo in alcune foto fatte sul set).

- PLANET TERROR -

In Planet Terror, il regista Robert Rodriguez rende omaggio all'amico Tarantino facendo comparire nel suo episodio le sigarette Red Apple.
In una scena al Bar BQ, JT offre al suo cliente abituale, Wray, proprio un pacchetto di queste sigarette.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Dal taschino del soldato Hirschberg è possibile scorgere un pacchetto di sigarette "Red Apple". La grafica delle celebri sigarette realizzate per Inglourious Basterds fu leggermente modificata al fine di renderla un po' più vintage. Purtroppo, però, il pacchetto non viene mai inquadrato interamente durante il corso del film.

- DJANGO UNCHAINED -

Su una parete esterna del negozio dove si recano il dottor Schultz e Django per acquistare gli abiti "da valletto" è affisso quello che sembrerebbe essere un manifesto che pubblicizza il tabacco Red Apple (lo sfondo del manifesto, infatti, è giallo, al centro si nota una forma tondeggiante rossa che ricorda la mela e in basso si legge la scritta "long cut tobacco").


A quanto pare, Django fuma delle sigarette realizzate con il tabacco Red Apple. In una delle scene ambientate al "Cleopatra Club" è possibile intravedere un sacchetto con impressa quella che ha tutta l'aria di essere la mela simbolo del marchio tarantiniano.

- THE HATEFUL EIGHT

La marca di tabacco in vendita da Minnie (nonchè la marca preferita dalla stessa) è proprio la Red Apple (chiamata dal narratore "Manzana Roja").

 

- ROMY & MICHELLE -

In una scena del film "Romy & Michelle" (Titolo originale: "Romy and Michele's High School Reunion") del 1997, si vede un manifesto delle Red Apple. L'attrice Mira Sorvino, coprotagonista insieme a Lisa Kudrow, ha voluto rendere omaggio a Tarantino (con il quale, in quel periodo, aveva una relazione) con questa trovata.

- BIG KAHUNA BURGER -

Finta catena di fast food hawaiana.
Il logo è stato creato da Jerry Martinez.
Con "Big kahuna" in gergo si può intendere una persona importante ("il pesce grosso") o un grosso affare ("il colpaccio").

- PULP FICTION -

Brett e i suoi amici vengono interrotti da Vincent e Jules proprio mentre stanno facendo colazione con gli hamburgers del Big Kahuna Burger.

- FOUR ROOMS -

Nella suite di Chester si vedono due bicchieri e due buste del Big Kahuna Burger.

- FROM DUSK TILL DAWN -

Seth torna al motel, dove ha lasciato suo fratello e l'ostaggio, con una busta di hamburger del Big Kahuna Burger.

- DEATH PROOF -

Stuntman Mike dice a Jungle Julia di aver visto un suo cartellone vicino al Big Kahuna Burger.

- ROMY & MICHELLE -

L'omaggio di Mira Sorvino a Tarantino continua. In una scena a casa delle due amiche si vede, infatti, anche una busta del Big Kahuna Burger.

- TERIYAKI DONUT -

Finta catena di fast food giapponese.
Il logo ricorda molto un "maneki neko" (il gatto della fortuna giapponese).
Il teriyaiki è una salsa agrodolce fatta con soia, zucchero e sake usata per
marinare carne e pesce da cuocere poi alla piastra.

- PULP FICTION -

Marsellus viene investito da Butch subito dopo essere uscito dal Teriyaki Donut.

- JACKIE BROWN -

Jackie si serve sempre al Teriyaki Donut del centro commerciale Del Amo (il vero nome di quel fast food in realtà era Tokyo Grill).

- AIR O -

Finta compagnia aerea giapponese.

- KILL BILL VOL. 1 -

La compagnia aerea scelta dalla Sposa per i suoi viaggi è la Air O.

- DEATH PROOF -

Durante una scena eliminata si scopre che la compagnia aerea scelta da Zoë per il suo viaggio negli Usa è la Air O.

- CABO AIR -

Finta compagnia aerea messicana.
Il nome si ispira senza dubbio alla città messicana di Cabo San Lucas e il logo ricorda molto quello dell'associazione "Cocaine Anonymous".

- JACKIE BROWN -

Jackie Brown lavora per la Cabo Air.

- ACUÑA BOYS -

Finta catena di fast food messicana.
Prende il nome da una gang di malviventi vista nel film "Rolling Thunder" (1977) diretto da John Flynn, con Tommy Lee Jones.

- JACKIE BROWN -

Sheronda mangia del cibo preso al fast food "Acuña Boys".

- DEATH PROOF -

Nella versione "double feature", la visione di Death Proof è preceduta da una pubblicità anni '70 di questa catena di fast food.


Nella scena iniziale in macchina, Arlene beve da un bicchiere che porta il logo della "Acuña Boys".

- WASCOMED -

Marca immaginaria di adrenalina.
Il nome rende omaggio allo scenografo David Wasco.

- PULP FICTION -

Wascomed è la marca di adrenalina utilizzata per salvare la vita di Mia Wallace.

- Mc CLEARY -
Blended Scotch Whisky

Liquore immaginario.

- PULP FICTION -

Vincent si versa da bere un bicchiere di questo liquore mentre aspetta Mia.

- SAM'S TOASTER PASTRIES -

Finta marca di pane per toast.

- PULP FICTION -

La marca di toast preparati da Butch poco prima di uccidere Vincent.

- BIG JERRY CAB CO. -

Compagnia di taxi immaginaria.
Anche il logo della compagnia di taxi per la quale lavora
Esmarelda Villa Lobos è stato realizzato da Jerry Martinez.
Big Jerry è il soprannome col quale Tarantino chiamava Jerry Martinez
durante il periodo in cui lavoravano insieme al "Video Archives".

- PULP FICTION -

Esmarelda lavora per la Big Jerry Cab Co.

- OAK RIDGE COFFEE -

Marca immaginaria di caffè.
Oak Ridge è una città situata nello stato del Tennessee a pochi chilometri da Knoxville, la città natale di Tarantino.

- KILL BILL VOL. 2 -

Budd usa un barattolo di Oak Ridge Coffee per sputarci dentro il tabacco da masticare.


Più tardi Beatrix lo userà come "arma" contro Elle.

- DEATH PROOF -

Dei cartelloni che pubblicizzano questo marchio sono visibili all'interno del Circle A e sul bancone del negozio si intravede un barattolo sotto alla statuina che raffigura Johnny Cash.


Durante la scena al ristorante con il secondo gruppo di ragazze, sono visibili alcuni piccoli manifesti appesi alle pareti che pubblicizzano questa finta marca di caffè.

- G. O. JUICE -

Energy drink immaginario.

- KILL BILL VOL. 1 -

Un cartellone che pubblicizza il succo G.O. si vede anche in Kill Bill vol. 1 durante l'atterraggio dell'aereo sul quale viaggia la Sposa.
[Trivia individuato da Roberto Lai]

- DEATH PROOF -

Al Circle A, Kim compra una lattina di G.O. juice senza zucchero per Abernathy. All'interno del negozio è possibile scorgere dei cartelli che pubblicizzano questa finta bibita energetica nonchè alcune lattine all'interno del frigorifero.

- TENKU BEER -

Marca di birra giapponese immaginaria.

- KILL BILL VOL. 1 -

Un cartellone che pubblicizza la birra Tenku si vede in Kill Bill vol. 1 durante l'atterraggio dell'aereo sul quale viaggia la Sposa.


"Charlie Brown" porta un vassoio di birre Tenku alla gang di O-ren.


Durante la scena dell'interrogatorio di Sofie Fatale, è possibile intravedere sullo sfondo una piccolissima parte di un cartellone pubblicitario. Grazie a un'immagine promozionale e ad alcune del making of si scopre che quel cartellone pubblicizza proprio la birra Tenku.

- TENNESSEE LAGER -
Old Chattanooga

Finta marca di birra.
Il logo è stato realizzato da Steve Joyner e Michi Ukawa.
Chattanooga è la quarta città più grande del Tennessee.
[Poster scanned by Wray]

- DEATH PROOF -

Nel parcheggio del Circle A, si intravede un camion di questa marca di birra immaginaria. All'interno del negozio, inoltre, sono ben visibili anche parecchie casse.

- CAPITOL W LIGHTS -

Finta marca di sigarette.
Il logo è stato realizzato dalla graphic designer Michi Ukawa.

- DEATH PROOF -

Al Texas Chili Parlor, Arlene fuma le sigarette Capitol W Lights.


Sul bancone del Circle A è visibile un cartoncino che pubblicizza le sigarette Capitol W Lights.

- VASALUBE -

Finta marca di vaselina.

- KILL BILL VOL. 1 -

L'infermiere Buck mostra quello che è stato definito dallo stesso Tarantino come "il più disgustoso barattolo di vaselina della storia del cinema".

- THE BIG A CUP OF COFFEE -

Finta marca di caffè in vendita al Circle A.
Con "big A" si intende quasi sicuramente "big ass", un'espressione che in slang significa qualcosa di molto grande.

- DEATH PROOF -

Al Circle A, Kim si prepara un bicchiere di "The Big A Cup Of Coffee".

- BUST - A - CAP -

Coffee shop immaginario.
In gergo Bust-A-Cap può significare sia "sparare" che "prendere a calci qualcuno". Il nome di questo coffee shop immaginario, inoltre, contiene anche un gioco di parole, dal momento che cap si legge come cup (tazza).

- JACKIE BROWN -

Max acquista il suo caffè al coffee shop "Bust-A-Cap".

- BILLINGSLEY -

Finta catena di negozi d'alta moda.

- JACKIE BROWN -

Billingsley è il negozio d'alta moda dove ha luogo uno degli scambi.

- HARZ -

Finta marca di sigarette tedesche.
Il marchio prende il nome da una catena montuosa tedesca.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Ai due estremi del tavolo dei soldati tedeschi alla Louisiane è possibile intravedere quelli che sembrerebbero essere due pacchetti di sigarette "Harz".


Tra le sigarette vendute dalle ragazze durante le premiere dovrebbero esserci anche le Harz, anche se i pacchetti non vengono mai inquadrati bene.

- LYONNAISES -

Finta marca di sigarette francesi.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Al centro del tavolo dei soldati tedeschi alla Louisiane è possibile intravedere quello che sembrerebbe essere un pacchetto di sigarette "Lyonnaises".

- ALPIN -

Finta marca di sigarette tedesche.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Sul tavolo dei soldati tedeschi alla Louisiane dovrebbero esserci anche dei pacchetti di sigarette "Alpin".


Tra le sigarette vendute dalle ragazze durante le premiere dovrebbero esserci anche le Alpin, anche se i pacchetti non vengono mai inquadrati bene.

- DEUTSCHER GEIST -

Finta marca di sigarette tedesche.
Deutscher Geist significa spirito tedesco.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Sul tavolo degli ufficiali alla Louisiane è possibile intravedere di fronte a Wicki quello che sembrerebbe essere un pacchetto di sigarette "Deutscher Geist".


Tra le sigarette vendute dalle ragazze durante le premiere dovrebbero esserci anche le Deutscher Geist, anche se i pacchetti non vengono mai inquadrati bene.

- FRONT HöLZER -

Finta marca di fiammiferi tedeschi.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Sul tavolo dei soldati tedeschi alla Louisiane si notano anche dei pacchetti di fiammiferi "Front Hölzer".


Le ragazze durante la premiere vendono anche i fiammiferi Front Hölzer.

- UNION MATCH -

Finta marca di fiammiferi.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Sul tavolo dei soldati tedeschi alla Louisiane si nota anche un pacchetto di fiammiferi che sembrerebbe essere della "Union Match".

- Fake brands non utilizzati -

- INGLOURIOUS BASTERDS -

Per il film Inglourious Basterds, in realtà, furono realizzati molti altri oggetti di scena appartenenti a diversi fake brands che purtroppo non furono utilizzati durante le riprese. Tra questi ricordiamo le sigarette "Chant Du Coq" (canto del gallo in francese) che sarebbero quelle fumate da Eric, il proprietario della taverna, le "Reininger - Emil Jannings", indicate come quelle fumate da Landa, i fiammiferi "Pathè" e i "Boule D'Or" e le gomme da masticare tedesche "Kaugold" e quelle americane "Wrigley's Spearmint".

- HUTTON & ALDRICH -

Marca di mazze da baseball immaginaria.

- INGLOURIOUS BASTERDS -

La mazza da baseball di Donny Donowitz è prodotta della finta compagnia "Hutton & Aldrich". Questo ennesimo brand immaginario rende omaggio a due registi molto apprezzati da Tarantino: Brian G. Hutton (noto per "Dove Osano Le Aquile" / titolo originale: "Where Eagles Dare" del 1968 con Richard Burton e Clint Eastwood) e Robert Aldrich (noto soprattutto per "Quella Sporca Dozzina" / titolo originale "The Dirty Dozen" del 1967 con Lee Marvin).

- DIXIE DYNAMITE -

Ditta di fuochi d'artificio immaginaria.

- DEATH PROOF -

Durante l'inseguimento finale viene coinvolto un motociclista che finisce per schiantarsi contro dei cartelloni che pubblicizzano la "Dixie Dynamite" una ditta di fuochi d'artificio immaginaria. Dixie Dynamite era anche il titolo di un film del 1976 di Lee Frost (titolo italiano: "Dixie Dynamite e Patsy Tritolo").